Silvia Accorrà

IT EN

Scritti

Rosso nucleare
Atì Editore, 2008


CATTURA

Visione dal terreno, dal basso. Vedo dei rami nudi e il cielo lattiginoso.
Alcuni uomini si stanno avvicinando a me con cautela portando una grossa rete pesante.
Mi guardano spaventati e sono molto tesi, molto aggressivi.
Vedo le cime degli alberi come delle crepe nel cielo bianco.
Gli uomini mi si avvicinano abbastanza da gettarmi addosso la rete nera.
Non sono soldati, sono pompieri: vestono di giallo e verde.
Raccolgono le cime della rete e mi portano via.
Non posso muovermi perché la rete si tende e mi solleva dal terreno umido, intrappolandomi.
Non posso muovermi anche perchè ho delle ferite e il corpo mi fa male.
Mi sembra di addormentarmi mentre mi caricano su un furgoncino.
Io so perché mi hanno preso.
Perché ho tre cuori.
Un cuore per il silenzio
Uno per la ragione
Uno per volare.


Acquista su Amazon

Contatto